IL MARE. DI TOMMASO GUERRAZZI


Il mare che io sogno è cristallino
con spiagge bianche d’oro o nero fino.
L’ ombra e’ nà palma 
e sott’ nà pultron.’ 
L’ ond ‘che arriva dolce là vicino.
Ed io sdraiato lungo su un lettino
che mi faccio cullar’ come un bambino.
Ma…. cu’ nà fell’e’ mellon’ tutt’ russ’ 
che m’ cola, sbavando tutt’o muss’.

Nessun commento: